mercoledì 20 febbraio 2008

Blastocisti? Due grazie!


Avviso: ManuBlog ha cambiato indirizzo.
Potete trovarlo all'indirizzo http://manublog.org


Divampa in questi giorni il dibattito intorno al tema dell'aborto. Giuliano Ferrara ne propone l’abolizione, probabilmente essendo disponibile a prendersi lui i bambini in questione. Ha creato una lista a livello nazionale con un solo punto, un solo obbiettivo prefissato: cancellare una delle poche leggi intelligenti ed utili del Paese. Però. Quando non sono i politici a creare danni, ecco che subentrano i giornalisti, in una sorta di passaggio del testimone delle fesserie. La celeberrima 194 ha interrotto l'inumana sequela di aborti clandestini (leggi rischiosi e ignobili), e diminuito gli aborti stessi del 40%. Probabilmente all'affettuoso Ferrara tutto questo non basta. Come ha già fatto notare Travaglio, Ferrara "ignora la gran parte del genere umano, ma ama indistintamente tutti gli embrioni che ne costituiscono l’ampia radice. Non si lascia commuovere dalle vittime collaterali dei bombardamenti che di solito muoiono al centro dei bombardamenti. Ma è capace di singhiozzare in memoria delle blastocisti disperse." E' proprio questo il punto: Ferrara continua a parlare dell'aborto come fosse il male del nostro secolo, una cancrena dell'umanità; persiste nel maneggiare il tema dell'aborto come se il resto delle persone ne facesse un uso smodato o abnorme. Tratta una delle più grandi conquiste del popolo italiano come una moda giovanile, un'usanza, una consuetudine del crudele genere umano. Ho già chiarito la mia posizione sul tema dell'aborto in un altro post ("Il diritto di affermare un diritto"), e non vorrei tornare a ripetermi. Concludo con l'analisi di un dato. Ferrara ha dichiarato che la sua lista (chiamata Pro Life; quando l'hanno saputo, Veltroni e Berlusconi hanno cambiato il nome dei loro partiti in "Angeli neri della morte" e "Vampiri assetati di sangue"), che tra le altre cose non convince nemmeno la Cei, potrebbe ottenere un margine di consensi del 6-8%.
Ok... è vero che se devi spararla, la spari grossa... ma se proprio devi dire una puttanata dichiara di saper volare, di avere un rapporto privilegiato con i puffi, o di avere avuto relazioni sessuali con un criceto!! Forse Ferrara pensa che il voto valga in relazione al peso in Kg dell'elettore; beh...se ha una decina di amici come lui, forse al 3-4% ci arriva...

Ci sono addirittura 3 commenti!!


Anonimo ( 26 febbraio 2008 18:15 )

Resto sempre del parere che Ferrara vada ignorato,il vero omicidio continuo è quello di chi,precario a vita, non può permettersi di generare altra vita. Il vasto Giuliano vuole distogliere l'attenzione dall'economia di rapina che sta uccidendo lentamente tutta una generazione di giovani.

Manu (26 febbraio 2008 18:43 )
Hai perfettamente ragione.
Quel "coso" non capisce che certe coppie, con estremo dolore, preferiscono compiere questo atto, seppur estremo, per non costringere poi il figlio ad una vita di stenti e sofferenze; una vita che forse lo stesso bambino chiederebbe di non aver vissuto. Purtroppo il lardo glè è entrato nel cervello...
Anonimo ( 4 aprile 2008 19:56 )

Condivido al cento per cento-
Il fatto è che la questione dell'aborto riguarda e deve riguardare soltanto le donne.
Se voleva fare qualche cosa di utile poteva dedicarsi a combattere la pedofilia,la droga,gli stupri.
Quelle si che sono vere e gravissime piaghe della nostra società!!


Articoli correlati


Lascia un commento





Some rights reserved by ManuBlog. Powered by Blogger
Autore: Manu / Feed: Rss 2.0 / Technorati Profile
Blog under Creative Commons License