venerdì 12 settembre 2008

La prostituzione a puttane


Avviso: ManuBlog ha cambiato indirizzo.
Potete trovarlo all'indirizzo http://manublog.org



"La prostituzione mi fa orrore, mi fa rabbrividire, non capisco chi vende il proprio corpo".
Suvvia Mara, lo sai che non è vero: dipende quant'è il prezzo...
Se in cambio c'è un Ministero (magari quello per le Pari Opportunità) l'orrore diminuisce, vero?

Che le legge Merlin fosse da abrogare era cosa nota fosse alla stessa Lina Merlin, ma farlo con una legge se possibile ancora peggiore è un'altro discorso: il "Ddl Carfagna" (mai nome fu più appropriato per una legge che tratta di prostituzione) proibisce infatti la prostituzione sulle strade, punendo con il carcere sia le lucciole che i loro clienti, ma soprattutto senza risolvere minimamente il problema.

Partendo dal fatto che prostituirsi è un diritto sacrosanto e giuridicamente protetto, in quanto forma libertà personale di chi vuol vendere il proprio corpo, il decreto della Carfregna non affronta neanche lontanamente i problemi che comporta la prostituzione, come lo sfruttamento, le condizioni igieniche e l'evasione fiscale.
Il decreto, ideato senza neanche convocare i rappresentanti del mondo della prostituzione, sfregia la libertà personale che permette all'uomo di avere piena libertà del proprio corpo, e combatte il fenomeno "nascondendo la polvere sotto il tappeto", ossia combattendo il problema solo di facciata e non in profondità.

Nei paesi avanzati il problema della prostituzione è risolto con le Case Chiuse: luoghi igienici e controllati, che pagano dove le tasse dove le donne hanno la libertà di vendere il proprio corpo in maniera legale e protetta.
Lo Stato avrebbe un ritorno economico enorme, i cittadini troverebbero posti puliti e controllati, le prostitute avrebbero la pensione e l'assicurazione, la criminalità organizzata subirebbe un grosso colpo.
Invece, con questa legge partorita da un "luminare", gli unici risultati saranno più gente in carcere, più multe , più danni per le prostitute che saranno trattate come criminali, e un aumento dello sfruttamento della prostituzione domestica.

Chissà come mai parlando della Gelmini, Umberto Bossi disse: chi pretende di riformare la scuola dovrebbe come minimo aver insegnato. Sull'ultimo disegno di legge della Carfagna invece non ha avuto nulla da ridire...

Ci sono addirittura 4 commenti!!


Wil ( 12 settembre 2008 22:36 )

Caro Manu, oggi abbiam scelto argomenti attinenti ... d'altronde, non si può sorvolare su tanta incoerenza.

Ti aspetto, Wil.

Ale ( 13 settembre 2008 02:20 )

evidentemente c'è qualcuno che ci va a nozze con questo giro d'affari...

Andrew ( 13 settembre 2008 03:22 )

decreto sbagliato e incompleto

Roberto Celani ( 13 settembre 2008 13:31 )

Splendori e miserie delle cortigiane...

http://robertocelani.blogspot.com/2008/09/madame-de-pompadour-e-l


Articoli correlati


Lascia un commento





Some rights reserved by ManuBlog. Powered by Blogger
Autore: Manu / Feed: Rss 2.0 / Technorati Profile
Blog under Creative Commons License